Imprimir
III Congreso Internacional Historia a Debate Santiago de Compostela

IV Congreso Internacional Historia a Debate
Santiago de Compostela, 15-19 de diciembre de 2010

Direccin


Ponencias aceptadas

Seccin II.2. De las especialidades al debate general

Autor

Roberto Greci (Universit degli Studi di Parma, Italia)

Ttulo

Il Medioevo nella formazione e nella cultura storica contemporanea

Resumen

Nel paradigma scolastico recente si voluto privilegiare l'insegnamento della storia contemporanea, in Italia accolta tra i saperi accademici da pochi decenni, ma rapidamente cresciuta di importanza. Nello stesso tempo, in un diffusissimo senso comune, si riscontra la tendenza a percepire la storia pre-contemporanea come interessante in quanto lontana e diversa dall'oggi, strumento quindi di evasione. Siamo dunque molto lontani dalla concezione della storia che si sviluppata in Occidente a partire dal secolo XVII sulla base di metodi e finalit scientifiche.

I due fenomeni sono in qualche modo le facce della stessa medaglia e segnano un forte distacco dalla storia praticata, seppure in modi diversi, lungo l'intero secolo XX. Nell'intervento si discutono le ragioni di questo mutamento, in parte attribuibili alla posizione della storia in ambito scolastico-accademico e, in parte, alle modalit di divulgazione della disciplina. Non vanno per sottovalutate altre cause, per cos dire "esterne", quali l'ampliamento e la trasformazione del pubblico, l'evoluzione della politica e del rapporto tra politica e storia, il mutamento del gusto estetico contemporaneo.

Una riflessione sulla storia medievale e sulla sua utilit pu aiutare a comprendere alcune di queste trasformazioni e di queste dinamiche. Il Medioevo, infatti, pi di ogni altro periodo storico ha subito deformazioni, rifiuti, esaltazioni, strumentalizzazioni per ragioni estetiche ed ideologiche. Da tale punto di osservazione ci si pu dunque chiedere se l'idea odierna della storia (di natura - per cos dire - 'neo-rinascimentale') sia qualcosa di totalmente inedito o la riporposizione, a condizioni mutate, di un let-motiv insito nella cultura occidentale, nonch un tentativo della politica di governare i rischi insiti nella conoscenza storica.